Esposizione Libri

AVVISO PER TUTTI GLI AUTORI
Nasce la prima libreria dell'esordiente, se volete un punto vendita nel centro di Milano della vostra opera, la Libreria/Legatoria Borghi espone e vende libri di autori esordienti. Tutti i libri, a rotazione, saranno esposti in vetrina. Non importa se siete una casa editrice o un autore autoprodotto, l'importante è che il libro sia di un autore emergente. Se siete interessati mandate una mail a info@legatoriaborghimilano.it

Ricordo anche che sul sito www.I-libri.it potete mandare una foto del vostro libro con un articoletto scritto appositamente per il sito e verrà pubblicato sempre gratuitamente
Elvio

lunedì 7 maggio 2012

Mara Cassardo


Un tremendo incidente e Amelia non è più con il suo clan, non è più con lui.
La sua immortalità si è conclusa su una scogliera del litorale ligure e Alex è solo, per l’eternità.
Il suo ricordo e il suo profumo al gelsomino lo torturano facendo sì che lei non si allontani mai dai suoi pensieri.
Ma la situazione non è così semplice come può sembrare. È la coesistenza delle stirpi la causa di tutto. I Vis sono troppo evoluti e distanti dalla tradizione per poter essere accettati dalle frange reazionarie dei Voordalack. E quindi ogni possibilità di distruggerli viene afferrata e sfruttata.
Solo la ricerca nei suoi sogni e l’affidamento all’amicizia potranno condurre Alex alla verità per quanto fredda e dolorosa possa sembrare. Conoscerla significa dominarla e poter trovare una soluzione.
Amore, odio, ambizione e desiderio fluiscono tra gli eventi che uno dopo l’altro si susseguono fino all’epilogo, fino alla comprensione.
Tempo, sempre e solo una questione di tempo…

martedì 20 marzo 2012

Matteo Oliviero

“Buon compleanno Matteo”. Tanti gli auguri, molti i regali, uno inaspettato. 
Una raccolta di racconti spedita dal suo miglior amico.E’ il regalo più bello da una persona che non vede da molto, troppo tempo ormai. Racconta della sua vita, i suoi viaggi, le sue esperienze, il fatto che ha dovuto cambiare città, che lavora e che non è più lo stesso.Ed ha anche iniziato a scrivere. 
Attraverso i suoi racconti Matteo capisce com’è cambiato, com’è cresciuto, cosa ha provato, le sue esperienze più importanti, le sue angosce, le sue paure e le sue mete.Ogni racconto è una storia a se, che cerca di entrare nei mondi più oscuri dell’uomo, senza però mai lasciare quello che è il vero protagonista, l’animo umano, le sue gioie e suoi dolori, le sue paure, le sue emozioni, le sue realizzazioni, i suoi comportamenti, i suoi amici e i suoi nemici, le sue sconfitte, le sue vittorie.
Si affrontano temi importanti, la voglia di non crescere mai, la voglia di avventura, la paura di morire, l’innocenza di un bambino, il calore di un fuoco, la semplicità degli animali, l’infinito segreto racchiuso nel mare, la giustizia, la rassegnazione, la volontà di cambiare l’intero mondo, la lotta contro i propri nemici, contro se stessi, l’importanza di porci delle domande, la superficialità delle risposte. Nei racconti appaiono differenti i protagonisti, il tema, l’ambientazione, ogni racconto appare come un mondo a se, ma il fine unico rimane lo stesso, narrare, raccontare di ciò che più ci appartiene e che più ci sforziamo di conoscere, noi stessi.

sabato 21 gennaio 2012

Raffaella Amoruso


Marlen è un'avvenente modella che delusa dal primo amore che credeva fosse per sempre, vive in modo apparentemente superficiale...Ha un bel lavoro, è invidiata dalle donne e ammirata dagli uomini, ma il suo pensiero è lì perso per quell'amore.Una domenica mattina, in tutto relax come ogni domenica, mentre leggeva un romanzo che le evocò strani ricordi passati,sentì il bisogno di parlare con una voce amica. Compose il numero di un suo amico "da sempre" con il quale spesso aveva diviso gioie e dolori, ma si sorprese emozionata di sentire la sua voce ormai "matura"...La sfilata con la sua frenesia passò...La casa di sua madre era un tripudio di belle sensazioni, tra il verde dei prati, il profumo di mele cotogne, il suo grosso alano che festoso salta facendo ruzzolare Marlen, giocosa, sul prato. Il calore sincero tra ricordi e fotografie che immancabilmente sua madre le mostrava, ogni volta, toccando le corde dell'Anima e investendola di una dolce nostalgia.Una sera, ad una festa mondana nel campo del suo lavoro, dove Marlen si sentiva una dea, sicura di se e della sua bellezza, incontrò un uomo affascinante, trovatosi lì per caso (la quale moglie era fuori città con le figlie). Si soffermò a parlare per ore con lui, che le aveva mostrato subito interesse.Cominciano una storia, lui più grande di lei di 30 anni.... Ben presto Marlen scopre che non le piacciono i panni dell'amante, desiderava essere sempre la prima donna, non si sente più appagata.Lui insistette tanto per iscriversi ad una scuola di tango insieme e lei, riluttante accettò.Passa il tempo, lei è innamorata ma sempre più infelice perchè non può averlo del tutto...Lo lascia ma passa un periodo in cui sta malissimo...Il tempo passa, al lavoro arriva una nuova modella, stringe una forte amicizia con lei e forse un'avventura diversa...Passa il tempo, Marlen decide di fare una vacanza con il suo compagno di giochi in adolescenza, il suo amico da sempre.
Si scoprono innamorati e sono felici finalmente. "Ti amo", si dicono e...

venerdì 18 novembre 2011

Antonella Ronzulli


La poesia è sempre stata considerata come la massima forma di espressione in letteratura. Se poi ad essa si aggiungono motivi biografici, narrati in maniera spontanea senza camuffamenti o timori legati al desiderio di mantenere una velata imperscrutabilità, allora si innalza ulteriormente come forma di comunicazione. La scrittura della Ronzulli non è altro che proiezione diretta dei suoi sentimenti e dei suoi tormenti legati a determinati momenti della sua vita. La lirica che chiude la silloge è in grado di trasmetterci quella felicità che il lettore ricerca ossessivamente per tutta la lettura del libro. Così come la vita è un percorso difficile, ricco di impedimenti e di salite, la poesia della Ronzulli “risorge” nel finale consacrando il valore dell’amore.

mercoledì 16 novembre 2011

Fernanda Raineri

Un bellissimo volo in mongolfiera sulle Alpi Apuane si trasforma in una pericolosa avventura a causa di un improvviso cambiamento delle condizioni atmosferiche. La mongolfiera precipita a causa di un forte vento, con tutto il suo equipaggio composto da 4 giovani escursionisti: Stella, Glenda, Frank e Rebecca e il pilota Alfred. Stella e i suoi amici si ritrovano in un bosco fatato da cui faticheranno ad  uscire. Lasciato finalmente il bosco, scopriranno un luogo misterioso dove si celano inestimabili tesori, che un astuto nemico cercherà in tutti i modi di tenere per sé, tentando di eliminare Stella e i suoi giovani compagni di avventura. Ma le sorprese per i ragazzi non finiscono qui, perché nello stesso luogo  troveranno un posto sotterraneo e incontaminato dove il tempo sembra essersi fermato, tra funghi bioluminescenti e allucinogeni, tra reperti archeologici, mostri preistorici ed altri misteri, in un susseguirsi ininterrotto di sorprese e colpi di scena fino all’ultima pagina.








E’ passato più di un anno dall’incredibile avventura che Stella, Glenda, Frank e Rebecca hanno vissuto sulle Alpi Apuane. Il tempo è volato velocemente da quei giorni e Dicembre è ormai di nuovo alle porte, con la più bella festa dell’anno. Stella viene invitata dai suoi amici di Boston a recarsi da loro per passare insieme l’ultimo giorno dell’anno. 
Stella accetta con entusiasmo l’invito. Arrivata all’aeroporto di Boston, Stella inavvertitamente scambia il suo trolley con quello identico, di qualcun altro. Il suo è andato smarrito, visto che Stella, inesperta com’è, non ha messo il cartellino con i suoi dati sulla valigia. Il proprietario del trolley, che invece ha perso la targhetta identificativa, si è accorto dello scambio, ma al momento non può rientrarne in possesso, perché Stella si trova insieme ai suoi amici, che sono venuti a prenderla in aeroporto. Deve comunque, riaverla ad ogni costo, perché contiene una cosa altamente Top Secret. Da questo momento accadranno un susseguirsi ininterrotto di fatti misteriosi ed imprevedibili, che stravolgeranno non solo le vite dei  protagonisti, ma anche il destino del mondo intero.



Eveline è una ragazzina americana, che vive nella campagna di Santa Fe, nel New Messico. La sua famiglia è proprietaria di un piccolo ranch a pochi chilometri dalla città. Un sabato mattina, dopo essersi recata con i suoi amici Jin e Jhoan, alla fiera degli animali di Santa Fe, si ritroverà protagonista, insieme ai suoi due giovani compagni, di un incontro ravvicinato del terzo tipo.
Gli alieni, con cui faranno subito amicizia, hanno le sembianze di formiche giganti, provenienti da un pianeta dal nome Valm-Ikas. Dopo questo incontro, i giovani ragazzi, si troveranno coinvolti in una rocambolesca avventura, che si svolgerà in quella stessa giornata, in un susseguirsi di colpi di scena. Scopriranno che il razzismo non è solo un comportamento umano, ma anche di popoli di altri pianeti e che il bene ed il male si contrappongono non solo sulla terra, ma anche nel resto dell’universo.

domenica 26 giugno 2011

Margherita Merone


Margherita è una donna di quarant’anni, bella e piena di vita. Nella sua
quotidianità trovano spazio un lavoro interessante, lo studio “matto e disperatissimo”,
e una cerchia di amici a cui è molto a ezionata.
Un’estate Margherita conosce Morgana, una donna per certi aspetti simile
a lei, ma con un dono molto particolare: “la profezia”. Le due donne, durante
delle serate trascorse al mare, iniziano così a raccontarsi la propria
vita. Morgana confessa a un certo punto le sue capacità, dice di riuscire a
vedere nel futuro mediante i sogni, e di avere sempre avuto molta fede.
Margherita è scettica, non vuole inizialmente crederle, ma dovrà aprirsi a
questa “nuova forma di conoscenza”, visto che la nuova amica le descriverà
minuziosamente alcune esperienze, poi realmente accadute.
Incontri amorosi e discorsi di carattere spirituale e religioso sono le dimensioni
che intrecciandosi danno vita a Le profezie di Morgana, un romanzo
a tratti misterioso, in cui l’autrice non smette mai di raccontare
una storia che sente sua e che invita a leggere senza pregiudizi, sulla scia
di quelle “sensazioni particolari, percezioni” che ognuno di noi in fondo
può riconoscere.

sabato 4 giugno 2011

Gianfranco Fine

Una Porsche rubata si rivela un doppio affare per i ladri: al suo interno si trova infatti un violino stradivari. Iniziano subito le indagini ma il commissario che le segue viene in breve rimosso dall’incarico, gli viene infatti affidata la guida della missione zorro: un ex brigatista latitante da diversi anni, del quale nessuna foto è disponibile, sembra si trovi a Barcellona. Sarà compito del commissario Enrico Scotti ricostruire i suoi movimenti partendo da una telefonata fatta a un amico, individuarlo e assicurarlo alla giustizia. Le due indagini così procedono parallelamente tra tensioni, emozioni e intrighi.

martedì 31 maggio 2011

Antonio Capolongo


Nella prima parte del romanzo si racconta dello sbocciare dell’amore fra Marcello Marchesi e Sofia Scudieri, che si dedicavano attenzioni vicendevoli e, fra sussurri e sguardi, si conducevano verso la legittima meta ignari che di lì a poco si sarebbe abbattuta su di loro, con tutta la debordante forza di cui si compone, la legge morale, quella legge non scritta da uomini a ciò deputati da tutti gli altri in un paese civilmente organizzato.
La legge morale di cui si parla è rappresentata dalle convenzioni sociali che sono in continua trasformazione, legate a retaggi culturali, a gregarismi di vario genere, al pensiero di una conventicola di alto rango o al giudizio insindacabile del popolo.
Per i due innamorati inizia così un calvario dai tratti drammatici fatto di rinunce, sacrifici, battaglie, che ad un certo punto li vedrà soccombere a quella legge che, in questa storia, prende corpo nella sorella maggiore di lei che, nell’anno 2007, incarna il nemico numero uno dell’amore puro la cui colpa è soltanto quella di essere nato “clandestino”.
Ma un grande amore è capace di abbattere qualsiasi ostacolo per porre la prima pietra… un colpo di scena in grado di cambiare gli eventi.

lunedì 30 maggio 2011

Michela Zanarella


Le poesie d’Amore di Michela Zanarella sono poesie d’Amare, proprio come nel sottotitolo della silloge “Sensualità” si ricorda al lettore degli afflati poetici della giovanissima poetessa.
“Sensualità”, si può considerare il classico libro per San Valentino, da abbinare al rosso delle rose, espressione cromatica dell’amore… e della sofferenza. Lo stile dell’espressione poetica di Michela Zanarella va ricercato nelle sensazioni degli elementi primordiali che regolano la nostra vita. Sensazioni che nella formazione culturale della Zanarella assumono quell’inesauribile vena poetica, sinonimo di archetipo.
Le emozioni, che fin dalle prime poesie ci danno l’incentivo per proseguire nella lettura interpretativa, si scoprono simili a quelle sottaciute per remore arcane.
La sensualità che avvolge il lettore, lentamente lo ammalia e lo cattura in vortici d’amorosi sensi, dove l’amplesso rappresenta l’unica via d’uscita all’emozione intensa.

Teresa di Gaetano

Una ragazza in cerca della verità. Un deserto sconosciuto e un cammino nell’ignoto dove strani personaggi si alternano e conducono la fanciulla verso la giusta via del ritorno. Un compito difficile: salvare i due sovrani de La sabbia delle streghe dal terribile Ozark. Questo romanzo ci porta nei meandri magici di un mondo dove tutto è possibile, dove ogni cosa è diversa da come appare, dove non mancano colpi di scena e sorprese. Un libro questo di Teresa Di Gaetano che ci aiuta ad andare al di là delle apparenze e a scoprire risvolti inaspettati


Per acquistare l’opera: lasabbiadellestreghe@gmail.com 
blog ufficiale della saga: http://lacrimedicristallo.blogspot.com/
Il diario di Teresa: http://ildiarioditeresa.wordpress.com/ 

giovedì 26 maggio 2011

Chiara Gallese

"Un viaggio nella notte di Tokyo vista attraverso le stazioni principali della metro, ognuna delle quali racchiude in sé un frammento di vita passata.
Keiko, stilista alla soglia dei trent’anni, fa rivivere i ricordi della madre attraverso le proprie creazioni, ispirate ai suoi dipinti.
I vividi flashback di un ragazzo insolito e affascinante, in lotta continua per trovare una sua identità, accompagnano la vita quotidiana della protagonista, che riesce in questo modo a superare il suo abbandono.
Nei luoghi e nei momenti più impensabili, un misterioso ambasciatore italiano appare e scompare come un fantasma.
Infine, un ragazzo normale ma allo stesso tempo unico, che segnerà le sorti di ogni esistenza intorno a sé, fino a prevalere fra tutti.
Una generazione di giovani disincantati, persa nel presente incerto, che vive di ricordi mentre cerca la sua strada nel mondo.
Il dolore per la perdita delle persone care, la loro lontananza o la loro assenza, rimane sempre in sottofondo durante tutto il racconto.
I rapporti umani che si intrecciano nei quartieri più frequentati della città scorrono via lentamente, fragili come petali di ciliegio nella stagione della fioritura. "

lunedì 23 maggio 2011

Samantha Beatrice Brillante




Una storia travolgente e piena di suspance.

Il fascino di un ragazzo misterioso.
La storia di una ragazza che si ritroverà coinvolta in un qualcosa di inaspettato.
Un romanzo da leggere col fiato sospeso. 

Enemy è un avvincente fantasy, che ruota intorno alla lotta tra il bene e il male.
Protagonista di questo fantasy è Ginevra, detta Evra, una ragazza come tante, che si ritrova a fare i conti con il più bello e arrogante della scuola, Dranger.
Da subito tra loro non scorre buon sangue e gli scontri sono sempre più forti. Il destino per Evra però ha riservato qualcosa di inaspettato.
Si ritroverà insieme a suo fratello Colin e ai suoi amici ad affrontare molte prove, perché il bel Dranger nasconde un terribile segreto...
Può un nemico tanto odiato divenire indispensabile?
Sito http://enemytrabeneemale.jimdo.com/
Facebook http://www.facebook.com/pages/Enemy-tra-bene-e-male-di-Samantha-Beatrice-Brillante/218659661482490
Acquisto http://eshop.sangeledizioni.com/pages/detail_pro.php?idp=75 
Booh Trailer http://www.youtube.com/user/ENEMYtraBeneEmale?feature=mhee

domenica 22 maggio 2011

mercoledì 18 maggio 2011

Bartolomeo Aprile


Questo romanzo è una sorta di autobiografi a scritta da un ragazzo di nome Ciccio, che ci racconta la sua vita, dall’infanzia al giorno del suo matrimonio con Giulia, sorella
di un suo carissimo amico. Nel viaggio della sua esistenza non mancano certo le
emozioni, belle o brutte che siano, tra cui la scomparsa di Rosario, il suo migliore amico, che induce in lui un profondo cambiamento. L’autore ha usato il nome di Rosario perché ci tiene a ricordare un amico carissimo che è realmente scomparso in un incidente. Ovviamente i fatti
descritti, in cui compare il personaggio, sono comunque frutto della sua fantasia.
Il giovane autore si immedesima spesso nel protagonista. Infatti, tra molti avvenimenti di fantasia, introduce anche alcuni fatti da lui vissuti realmente.
Gli argomenti sfi orati sono tanti: le amicizie, i primi amori, la scuola, le delusioni, i grandi successi, insomma avvenimenti che ogni ragazzo si trova a vivere prima o poi.
Ciò fa sì che ognuno possa rispecchiarsi e immedesimarsi in qualche modo nella storia.

martedì 17 maggio 2011

Mariel Sandrolini


Correlato da numerose  iconografie
Un omaggio al Paese  dove  ho scelto di vivere la fase finale della mia  vita.
E’ un contributo di cultura,una cerniera tra presente e passato per tenere vivo il ricordo delle radici delle nostre terre emiliane.
Questo libro valorizza l’esperienze di vita, le tradizioni, il  nostro dialetto , gli usi e i costumi per tramandare e far conoscere alle nuove generazioni il passato e le origini delle genti locali.
Cittadini Salesi hanno aperto il loro cuore, rievocando le loro storie.Storie significative del loro percorso di vita, il duro lavoro dei campi,  le lotte, il sudore,  la guerra, la prigionia nel lagher nazisti, le alluvioni: non dimenticando mai l’obiettivo primario, quello di migliorare le condizioni umanitarie.La narrazione di segreti, aneddoti, delitti e misteri,  ma anche piccoli spaccati di vita quotidiana che danno un alto valore a questa comunità. Interviste commoventi, a volte ironiche e boccaccesche,  altre dolorose. Non tralasciando nulla al caso così.. Sindaco, Parroco, Maresciallo, Dottore e Farmacista si raccontano.
per l'acquisto mariel.ugo@libero.it

Susanna Soliman


C’era una volta…la vita è la storia di una normalissima ragazza con normalissimi sogni. Questo libro parla di una vita che parte da un adolescenza comune fatta di anoressia e forza di uscirne, amori e speranze come tutte le 17enni, il voler fuggire dai problemi che la porta ad entrare in relazioni sbagliate ed a diventare mamma a 18 anni. La protagonista si sposa giovane e vive momenti veramente difficili a chilometri da casa. Poi fortunatamente arriva l’arcobaleno anche per lei ma si fa vedere piano piano.
Riesce a trovare una persona che l’aiuta a ritrovare se stessa e la sua vita a piccoli passi. La sua forza principale è un sorriso, quello di sua figlia.
Questa è la storia che vorrei potesse arrivare al vostro cuore, comprensiva delle cose belle della vita e della volontà che deve spingere qualsiasi persona ad affrontare gli alti e bassi e i periodi peggiori senza mai demordere. La storia di qualcuno che ama, che si sfida, che sfida la vita e risponde.
Spiegare ai giovani come me che si può vivere comunque tenendo un figlio, e che una volta guardati in faccia, i figli, smettono di essere errori. E un sacrificio non ti pesa più tanto se sai che le persone intorno a te stanno meglio. La storia è una storia un po’ di tutti diciamo, dove chiunque si può rivedere in qualcosa.
C’era una volta…la vita parla della mia forza e potrebbe essere in qualche modo anche la vostra.

lunedì 16 maggio 2011

Marco Costa


Mi chiamo Marco Costa e (pur non essendo uno scrittore)ho scritto un libro che ha per tema la Depressione,il tutto vissuto in un racconto autobiografico dove sono stati cambiati solo i nomi delle persone,compreso il mio.Prologo:una vita,una storia,uno specchio.Un infanzia come tante,un adolescenza con eccessi che si tramutano in ossessione e una maturità fatta di atti compulsivi bagnati dall'alcool.In eccesso.Lo specchio di una vita di un uomo che l'ha vissuta.Sulla strada,tra la gente,prendendo tutto.Titolo:Due Maroni Così.Edito da Altro Mondo Editore.Sono 4 volte che riparto... un nuovo lavoro, ancora e non riesco a liberarmi. Le recensioni raccolte dal libro che ho scritto hanno alleviato la pressione del "mostro", come sapere che tante persone che combattono con il "mostro" si sono risollevate leggendo il mio libro. A volte mi chiedo quale possa essere la forza di un libro. Il libro che ho scritto spero sia utile, anche se sono ancora in alto mare... ancora...

giovedì 5 maggio 2011

Fabiana Parenti

"Non potrebbe essere un mio regalo senza un biglietto. Tra tante cose ho scelto proprio questa perchè tu potessi portare qualcosa di mio con la massima naturalezza, e perchè potessi leggerci dentro il nostro, di tempo....Sei la mia neve della notte in cui una "stella" ci hatenuti insieme fino all'indomani......."
Questo piccolo brano, tratto dal libro di Fabiana, ci dà la misura della delicatezza e delle capacità della scrittrice. Un libro in punta d'ago, che ricama i percorsi dell'anima, che non cede a facili lacrime, ma attraverso analisi profonde e poetiche, traccia il profilo di una giovane e sensibilissima donna. L'intreccio di diarismi traccia un percorso che si eleva dal buio di una notte senza stelle, alla luce della seranza, in onore a chi, nonostante le difficoltà della vita, le incertezze e le inquietudini, continua a lottare. "Nonostante abbia uno scarso senso dell'orientamento, è tra vie e piazze sconosciute che mi sento al sicuro; mentre a casa sono persa, in balia di me stessa e dei miei oscuri pensieri." Non c'è anima sensibile diventata forte che non abbia prima affrontato i suoi "oscuri pensieri" e che non abbia nutrito una sensazione di smarrimento. Bisogna prima perdersi per ritrovare la via... quella giusta. Non c'è anima sulla terra che conosca a priori il suo giusto percorso, o che non ne abbia provati di nuovi prima di scovare finalmente il suo. Quest'ultimo, ce lo insegna l'esperienza, non senza l'aiuto di un dono prezioso quale una sviluppata sensibilità. E quella che Fabiana dimostra di avere (nel pensiero, qui espresso attraverso una piacevolissima scrittura poetica) suscita nel lettore una curiosa voglia di guardare davvero, almeno per un attimo, il mondo attraverso i SUOI occhi.

mercoledì 4 maggio 2011

Sharon Smorta

1301. Un'orda di succubi, mostri avidi di anime umane, semina il terrore in un paesino del bacino del Mediterraneo. Una fanciulla di nome Nadira assiste inerme allo sterminio della sua famiglia, ma viene portata in salvo da un personaggio misterioso che la inizia a una nuova vita. Il Maestro la istruisce e l'allena per una grande missione, ma sono troppe le forze in gioco: esseri millenari e leggendari, divinità e demoni del mondo sotterraneo, esseri umani. In una terra dove il passato e il futuro, la realtà e la fantasia, la vita e la morte non hanno più confini. Nadira è il primo volume di una saga breve. Il secondo e ultimo atto è attualmente in fase di stesura. SHARON SMORTA nasce nel  1979 in provincia di Milano. Dimostra fin da bambina una grande passione per le arti e la scrittura. La Maledizione di Nadira è la sua opera prima. 

Marta Leandra Mandelli

Siobhan e Rowan, Ian e Adrian, due ragazze e due ragazzi che si ritroveranno, nella Milano dell'alta società, ad incrociare le loro strade quasi per caso. Si scoprirà presto che non sarà stato il fato a decidere il loro incontrarsi e innamorarsi, bensì l'ordito dei fili di un antico passato che li congiungerà in una avventura al di là della realta, in “Oltremondo”. Marta Leandra Mandelli, in uno stile limpido e perfetto, ci porta a scoprire un mondo nuovo, in cui si perora l'eterna battaglia del bene contro il male, una guerra che si combatterà non solo contro i nemici, ma anche nel profondo della psiche perfettamente delineata dei protagonisti.

giovedì 28 aprile 2011

Mattia Zadra

Il romanzo tratta la storia di Kyle Simmons, impiegato depresso e disilluso dopo che in seguito ad un avvenimento accaduto un anno prima la sua fidanzata si ritrova ad essere in coma.
La sua vita sembra essere piatta e senza un motivo di esistere, ma uno strano incontro le farà prendere un'altra piega.

Cupo, meditativo, a tratti psicotico, ma arricchito da momenti di romanticismo nostalgico e mai banale.
"Vedere" è l'opera prima del giovane scrittore Mattia Zadra, studente trentino classe 1991.
Le sue principali fonti d'ispirazione sono state le opere di Chuck Palahniuk, Irvine Welsh e Charles Bukowski.

mercoledì 27 aprile 2011

Luca Terenzoni

“Quello che lo colpì in modo particolare, ancora di più del suo look, fu l’espressione sul suo volto, che appariva stranamente pallido: sembrava che la donna avesse appena visto un fantasma”.

Francesco, il direttore amministrativo di un’azienda cartaria, dopo aver raggiunto importanti traguardi sia in campo privato che professionale, si ritrova alla soglia dei 40 anni a mettere nuovamente tutto quanto in discussione, a seguito della rottura del suo fidanzamento a solo pochi mesi dal giorno del matrimonio. In modo del tutto inaspettato, l’occasione per poter ripartire da zero gli si presenta una mattina di primavera, mentre sta passeggiando all’interno delle mura di San Gimignano, in Toscana. E’ qui che incontra il signor Jean-Marc Robin, un imprenditore francese del settore del vino, il quale, poco dopo aver conosciuto Francesco, gli propone di andare a lavorare nella sua azienda vinicola in Borgogna. Dopo aver valutato attentamente la proposta, Francesco decide di trasferirsi in Francia con l’intenzione di dare un indirizzo totalmente diverso alla propria vita, ma soprattutto con la convinzione che non rimarrà mai più coinvolto in una relazione sentimentale stabile. Però dopo l’incontro con Ludivine, la sua nuova collega, figura affascinante ma al tempo stesso complessa, le cose saranno tutt’altro che semplici per lui. Inoltre, da un passato solo in apparenza lontano e dimenticato, inizieranno a riemergere lentamente  gli inquietanti dettagli di un fatto di cronaca nera, che vede coinvolti sia Ludivine che il Sig. Robin. In una serie di colpi di scena, la Borgogna, con la tranquillità generata dai colori primaverili dei suoi paesaggi, fa da sfondo e da contrasto, all’inquietudine di Francesco, il quale, per ritrovare la pace della sua mente arriverà a mettersi pericolosamente in gioco, riuscendo però alla fine a ricollocare nel giusto ordine i vari pezzi del puzzle.

giovedì 21 aprile 2011

Savina Trapani

Il RACCONTO DEI BOSCHI e' un racconto articolato in due tempi: presente e passato, sogno e realta', che si esplica attraverso una dicotomia incentrata su un'avventura vissuta dalla protagonista, la giovane principessa Leira, la quale e' animata nei suoi intenti dal raggiungimento di un obiettivo, che consiste nel ritrovare il magico corno del primo padre degli Unicorni. Il corno e' un dono ricevuto dalla principessa in occasione della propria nascita il quale, essendo un oggetto incantato, una volta perduto fa ritorno alla sua terra d'origine, ossia nella magica Terra degli Unicorni. Tuttavia inseguire un sogno comporta sacrifici, tenacia e determinazione e Leira imparera' tutto cio' a proprie spese, infatti, per potere riottenere cio' che involontariamente ha perduto, dovra' affrontare un percorso pieno di pericoli, atti ad ostacolare il raggiungimento del suo obiettivo, in quanto la Sacra Terra degli Unicorni e' un luogo bandito a qualunque essere umano e protetto una legge che non puo' essere violata. Il viaggio di Leira si snodera' attraverso ventuno sottomondi, in ognuno dei quali vi sono celati pericolosi tranelli posti in essere dagli elfi, unici custodi della sacra terra. 
http://www.ciessedizioni.it/ilraccontodeiboschi.html